15Ott

La terapia cognitivo comportamentale in breve

15 - 10 - 2018

Nell’articolo di oggi il dott. Eric Storch, professore nel Dipartimento di Psichiatria e Scienze comportamentali di Baylor, ci illustra brevemente alcune caratteristiche chiave della terapia cognitivo comportamentale.

Se hai mai letto libri di “autoaiuto” o scritti di salute mentale, probabilmente hai visto il termine Terapia Cognitivo Comportamentale (CBT) ad un certo punto. Ma hai familiarità con come è nato e con come funziona?

“Storicamente, la psicoterapia si è concentrata su un esame dell’influenza dell’infanzia su come le persone percepiscono e interagiscono con il mondo”, ha detto il dott. Eric Storch, uno psicologo del Baylor College of Medicine. “Tuttavia, circa 40-50 anni fa, ci fu un’introduzione di principi comportamentali e cognitivi in ​​psicoterapia che potrebbero essere usati per aiutare le persone con una varietà di problemi emotivi”.

La CBT è uno di questi approcci. È un intervento che si concentra sull’interazione tra il modo in cui una persona interpreta gli eventi e come queste interpretazioni influenzano sia le sensazioni che i comportamenti successivi.

Storch afferma che la CBT ha mostrato una notevole efficacia sia negli adulti che nei bambini per affrontare molte problematiche, tra cui depressione, ansia, disturbo da stress post-traumatico, Disturbo Ossessivo-Compulsivo (OCD), nonché ad aiutare le persone a far fronte a malattie o insonnia.

Tipi di CBT

Per diversi tipi di problemi, l’approccio CBT si adatta alle caratteristiche di sintomi e paziente.

Ad esempio, Storch afferma che, secondo la prospettiva CBT, la depressione tende a far sì che le persone vedano il mondo attraverso un filtro distorto in cui gli eventi vengono percepiti in termini più negativi. Quando le persone sono ansiose, le preoccupazioni sono spesso sovrastimate e le conseguenze gonfiate. Di fronte a queste interpretazioni, molti cercano di affrontare la situazione in modi che potrebbero aggravare il problema.

“Le persone con depressione spesso evitano situazioni emotivamente difficili. Ma più evitano queste situazioni, più la situazione si complica. L’attivazione comportamentale, una tecnica della CBT, ha lo scopo di aiutare coloro che soffrono di depressione a diventare meno evitanti, a impegnarsi in modo più efficace e ad imparare a reinterpretare i pensieri negativi per essere più realistici.”

Con OCD o ansia, Storch afferma che la CBT guida la persona nell’affrontare le paure in modo graduale e sistematico senza impegnarsi in comportamenti di sicurezza come l’evitamento o le compulsioni.

“Quando qualcuno ha OCD o ansia, sappiamo che la tecnica dell’esposizione funziona molto bene”, ha detto. “Le persone devono affrontare le loro paure. Più affrontano qualcosa che li rende nervosi, meno diventa angosciante. La persona impara anche che il risultato temuto di solito non ha luogo e che può farcela.”

“Esistono numerosi tipi di terapia che sono utili. Vogliamo essere sicuri che le persone siano in grado di ottenere il trattamento che è più utile per loro il prima possibile in modo che possano andare avanti e vivere la vita che desiderano”.

Per l’articolo completo in lingua originale: https://blogs.bcm.edu/2018/08/15/what-is-cognitive-behavioral-therapy/

Trackback URL: https://www.caremindstudio.com/la-terapia-cognitivo-comportamentale-in-breve/trackback/